Versione di Chrome 86 con funzione di accorciamento degli URL a ottobre 2020

Secondo il rapporto, Google (società multinazionale americana) rilascerà molto presto “Google Chrome 86” con la nuova funzione “Esperimento URL”. Lo scopo principale del test “esperimento URL” consiste nel vedere se gli utenti di Chrome verranno ingannati da siti Web di truffa / phishing e attacchi di ingegneria sociale se solo il dominio del sito Web viene visualizzato sull’indirizzo mentre visitano siti sospetti.

Google ha annunciato che “Esperimento URL” sarà testato su alcuni utenti selezionati casualmente e gli utenti vedranno solo il nome di dominio durante la visita del sito web. Tuttavia, questo esperimento aiuterà gli utenti a prevenire le frodi online. Diamo un’occhiata all’annuncio di Google:

“In Chrome 86, sperimenteremo anche il modo in cui gli URL vengono visualizzati nella barra degli indirizzi sulle piattaforme desktop (animazione di seguito). Il nostro obiettivo è capire, attraverso l’utilizzo nel mondo reale, se mostrare gli URL in questo modo aiuta gli utenti a rendersi conto che stanno visitando un sito web dannoso e li protegge da attacchi di phishing e ingegneria sociale “.

Inoltre, “Google Chrome 86” supporterà funzionalità di sicurezza aggiuntive, tra cui la limitazione della temporizzazione di JavaScript (limitazione delle attivazioni del timer JavaScript per preservare la batteria del dispositivo) e interventi pubblicitari pesanti (interruzione degli annunci che utilizzano risorse di sistema e larghezza di banda inadeguate). La società Google ha pianificato il rilascio stabile di Google Chrome 86 alla fine di ottobre 2020.

Come funziona la funzione di accorciamento degli URL?

Agli utenti che verranno selezionati per partecipare a “Chrome 86 URL Shortening Experiment” o “URL Experiment”, verranno presentati indirizzi diversi, ad esempio per passare il mouse sopra in qualsiasi momento e visualizzare la parte rimasta dell’URL – “/ wiki / URL”. Da allora, gli utenti normali vedrebbero https://en.wikipedia.org/wiki/URL mentre visitano l’articolo di wikipedia.

Tuttavia, gli utenti possono anche disabilitare tale funzionalità sui loro browser Chrome se non desiderano questa funzione. Per fare ciò, fanno clic con il tasto destro su “Omnibar” e selezionano “Mostra sempre URL completi” dal menu contestuale. Questa selezione aiuterà i partecipanti a impedire un “esperimento di accorciamento URL di Chrome 86” su tutti i domini.

I partecipanti che desiderano provare la funzionalità, devono installare il canale Canary o Dev di Chrome e abilitare i seguenti flag aprendo “chrome: / flags” in Google Chrome 86:

  • # omnibox-ui-volte-Elide-to-registrabile-dominio
  • # omnibox-ui-rivelare-steady-state-url-path-query-e-ref-on-hover
  • (Facoltativamente) # omnibox-ui-hide-steady-state-url-path-query-and-ref-on-interaction

Ogni sviluppatore di browser che cerca di affrontare il problema della truffa

Non solo gli sviluppatori di Google Chrome, ma tutti gli sviluppatori di browser stanno cercando di affrontare il problema del phishing / truffa in vari modi. Quando parliamo dello sviluppatore di Mozilla Firefox, rilasciano Mozilla Firefox 72 a gennaio che ha risolto il fastidioso problema dei messaggi di notifica che significa che gli utenti non vedono più questi popup dannosi che sono stati ampiamente abusati da vari siti Web inaffidabili.

Più di migliaia di siti Web abusano della struttura degli URL includendo alcune società autentiche come Microsoft, Apple o Google. Secondo i ricercatori sulla sicurezza di Google, quasi il 60% degli utenti è stato ingannato da domini dannosi che includevano uno dei marchi più famosi. Questi comportamenti fuorvianti possono provocare il furto di dati, perdite finanziarie o altre modifiche indesiderate nelle impostazioni del browser.

Con l’aiuto di “chrome 86 URL Shortening Experiment”, Google tenterà di ridurre il numero di attacchi di ingegneria sociale. Al momento, dobbiamo tutti aspettare “Google Chrome 86 Release”. Se hai suggerimenti o domande in merito, scrivi nella casella dei commenti riportata di seguito.