Lo strumento Gestione attività di Facebook consente agli utenti di eliminare i vecchi post in blocco

Ora sarà più facile per te eliminare eventuali foto / post imbarazzanti su Facebook pubblicati in precedenza. Questo gigante dei social media ha aggiunto una nuova attività di gestione per questo.

Come suggerisce il nome, lo strumento di gestione delle attività consentirà agli utenti di eliminare singoli post o selezionare più post ed eliminarli in blocco. Tali posti rimarranno per 30 giorni prima della loro cancellazione. Nel frattempo, puoi scegliere qualsiasi post per la loro cancellazione e il ripristino.

Inoltre, con questa nuova funzionalità, è possibile visualizzare e gestire i post in blocco, filtrarli in base al proprio desiderio in base a persone specifiche in essi o in un determinato intervallo di tempo.

Ecco la stampa rilasciata ieri da Facebook:

 “Che tu stia entrando nel mercato del lavoro dopo il college o passi da una vecchia relazione, sappiamo che le cose cambiano nella vita delle persone e vogliamo rendere più semplice per te curare la tua presenza su Facebook per riflettere più accuratamente chi sei oggi . Ecco perché stiamo lanciando Gestione attività per aiutarti ad archiviare o eliminare i vecchi post, tutto in un unico posto. La funzione di archiviazione è per i contenuti che non vuoi più che gli altri vedano su Facebook, ma che desideri comunque conservare per te stesso. Ad esempio, potresti archiviare un post che hai pubblicato quando eri al liceo che trovi ancora divertente ma che preferiresti non essere visto da nessun altro su Facebook. ”

Ecco come ti piace questa funzione su Facebook

  • Apri la pagina del tuo profilo, scorri verso il basso il pulsante in cui crei un nuovo post e vedi l’opzione Gestisci post
  • Fare clic nell’angolo in alto a destra sull’icona
  • Quindi, filtra i post per data (puoi filtrare i post in cui sei taggato)
  • Elimina un post o una foto che desideri. (Ricorda, puoi eliminare solo i tuoi post. Per eliminare quei post su cui sei taggato, hai bisogno dell’autorizzazione dell’amico che lo ha fatto quella volta.)