Come rimuovere CURATOR ransomware (e decrittografare i file crittografati)

Fai una prova con lo scanner gratuito per verificare se il tuo sistema è infetto da CURATOR ransomware

Assicurati di leggere l’EULA, i criteri di valutazione delle minacce e l’informativa sulla privacy di SpyHunter. Lo scanner che scarichi qui è una versione gratuita ed è in grado di scansionare il tuo sistema alla ricerca di possibili minacce. tuttavia, è necessario un periodo di 48 ore per rimuovere le minacce rilevate senza alcun addebito. se non vuoi aspettare quel periodo, dovrai acquistare la sua versione con licenza.

Conosci CURATOR ransomware

CURATOR ransomware è un malware, utilizza campagne di posta elettronica truffa mirate per diffondere l’infezione e prende di mira le aziende e gli utenti domestici. In caso di infiltrazione riuscita, utilizza l’algoritmo di crittografia AES e blocca i dati memorizzati sul PC di destinazione. Con la crittografia, i file includono immagini, audio, video, documenti e persino database diventano inaccessibili. Successivamente ottengono l’estensione del file .CURATOR (ad es. 1.jpg.CURATOR). Dopo di che, il ransomware rilascia “! = HOW_TO_DECRYPT_FILES = !. txt” sul desktop e anche su ogni cartella contenente file crittografati.

Il “! = HOW_TO_DECRYPT_FILES = !. txt” informa le vittime dell’attacco ai dati e poi le istruisce a contattare i criminali dietro CURATOR ransomware tramite assistantkeys [@] rape.lol e acquistare lo strumento di decrittazione unico che hanno. Per guadagnare la fiducia delle vittime, i criminali affermano di ripristinare gratuitamente fino a tre file crittografati, mentre il resto dei dati verrà recuperato dopo il pagamento del riscatto che successivamente consentirà loro di utilizzare la chiave di decrittazione. La dimensione del riscatto non è specificata in esso. Di seguito è riportato il messaggio di testo completo presentato nella richiesta di riscatto:

Ciao!

Tutti i tuoi dati importanti sono stati crittografati. !

I tuoi file sono al sicuro! Solo modificato (ChaCha + AES)

Non è possibile decrittografare i file senza una chiave di decrittazione univoca e un software speciale. La tua chiave di decrittazione univoca è archiviata CURATORly sul nostro server.

COME RECUPERARE I FILE ???

Scrivici all’indirizzo e-mail:

assistantkeys [@] rape.lol

Se non riceverai risposta entro 24 ore, contattaci tramite le nostre e-mail alternative:

mending7788 [@] protonmail.ch

Per verificare la possibilità di recupero dei tuoi file possiamo decriptare 1-3 file gratuitamente.

Allega 1-3 file alla lettera (non più di 5Mb). Indica il tuo ID personale sulla lettera:

id-RA [esadecimale redatto 10 minuscole]

* Nessun software disponibile su Internet può aiutarti. Siamo gli unici in grado di risolvere il tuo problema.

* Mettiti in contatto il prima possibile. La tua chiave privata (chiave di decrittazione) viene memorizzata solo temporaneamente.

* Assicurati che troveremo un linguaggio comune. Ripristineremo tutti i dati e ti daremo consigli su come configurare la protezione del tuo server.

CURATOR ransomware è noto per fare di più che crittografare i file e richiedere il pagamento del riscatto. Potrebbe interrompere diversi processi di Windows, iniettare file dannosi nell’elenco dei programmi di installazione e avviare l’esecuzione di voci dannose. Inoltre, può avviare i seguenti comandi tramite un PowerShell elevato:

vssadmin elimina ombre / tutto / silenzioso

sc queryex tipo = servizio

Ciò significa che questo virus può disabilitare anche le copie shadow del volume. Dopo che tutti questi comandi dannosi sono stati eseguiti, avvia il processo di crittografia primitiva. Secondo gli esperti, CURATOR ransomware può crittografare i seguenti tipi di file:

.7z, .rar, .m4a, .wma, .avi, .wmv, .csv, .d3dbsp, .sc2save, .sie, .sum, .ibank, .t13, .t12, .qdf, .gdb, .tax , .pkpass, .bc6, .bc7, .bkp, .qic, .bkf, .sidn, .sidd, .mddata, .itl, .itdb, .icxs, .hvpl, .hplg, .hkdb, .mdbackup,. syncdb, .gho, .cas, .svg, .map, .wmo, .itm, .sb, .fos, .mcgame, .vdf, .ztmp, .sis, .sid, .ncf, .menu, .layout, .dmp, .blob, .esm ,. 001, .vtf, .dazip, .fpk, .mlx, .kf, .iwd, .vpk, .tor, .psk, .rim, .w3x, .fsh, .ntl, .arch00, .lvl, .snx, .cfr, .ff, .vpp_pc, .lrf, .m2, .mcmeta, .vfs0, .mpqge, .kdb, .db0, .DayZProfile, .rofl, .hkx, .bar, .upk, .das, .iwi , .litemod, .asset, .forge, .ltx, .bsa, .apk, .re4, .sav, .lbf, .slm, .bik, .epk, .rgss3a, .pak, .big, .unity3d,. wotreplay, .xxx, .desc, .py, .m3u, .flv, .js, .css, .rb, .png, .jpeg, .txt, .p7c;

.p7b, .p12, .pfx, .pem, .crt, .cer, .der, .x3f, .srw, .pef, .ptx, .r3d, .rw2, .rwl, .raw, .raf, .orf , .nrw, .mrwref, .mef, .erf, .kdc, .dcr, .cr2, .crw, .bay, .sr2, .srf, .arw, .3fr, .dng, .jpe, .jpg,. cdr, .indd, .ai, .eps, .pdf, .pdd;

.psd, .dbfv, .mdf, .wb2, .rtf, .wpd, .dxg, .xf, .dwg, .pst, .accdb, .mdb, .pptm, .pptx, .ppt, .xlk, .xlsb , .xlsm;

.xlsx, .xls, .wps, .docm, .docx, .doc, .odb, .odc, .odm, .odp, .ods, .odt; (l’elenco non è finito)

A seguito di ciò, le vittime non sono più accessibili ai loro file e vengono ricattate per acquistare lo strumento di decrittazione tramite “! = HOW_TO_DECRYPT_FILES = !. txt”. Si raccomanda vivamente a coloro che ricevono questa richiesta di riscatto di non perdere la testa. Pagare il riscatto ai criminali non è una buona opzione perché queste persone non sono affidabili. L’approccio migliore per loro dovrebbe essere quello di copiare immediatamente i file crittografati in un archivio dati alternativo e rimuovere CURATOR ransomware dal sistema. La rimozione del malware non ripristinerà i dati crittografati. Pertanto, è necessario utilizzare alternative come backup esistenti o copie shadow / strumenti di ripristino dei dati per lo scopo del ripristino dei dati.

Le e-mail di spam e il software piratato causano l’infezione da ransomware

 I criminali informatici sono troppo inventivi per scoprire vari metodi che inducono le persone a eseguire accidentalmente malware dannosi che trasportano ransomware. Il più diffuso è l’allegato dannoso aggiunto ai messaggi di spam. Oltre a questo, crack software, keygen e altri contenuti piratati possono essere utili per diffondere questi malware dannosi. Di seguito vengono fornite alcune misure precauzionali che ti aiutano a stare lontano da contenuti pericolosi:

  • Utilizzare uno strumento antivirus affidabile
  • Installa regolarmente aggiornamenti software, aggiornamenti del sistema operativo e vulnerabilità delle patch,
  • Esamina le e-mail prima di aprire gli allegati al loro interno: ricontrolla il mittente, cerca errori grammaticali e altri hook che mostrano che l’e-mail è spam
  • Utilizzare una password e una VPN complesse quando si utilizza RDP,
  • Stai lontano da porno, giochi d’azzardo, p2p, torrent e altri siti pericolosi

Rimozione malware istantanea

La rimozione manuale del malware potrebbe essere un processo lungo e complicato che richiede competenze informatiche avanzate. Invece di questo, utilizza uno strumento antivirus affidabile per rimuovere automaticamente CURATOR ransomware dal sistema.

Per ripristinare i file crittografati sul tuo computer, puoi provare con un’app di recupero dati consigliata per verificare se può aiutarti a recuperare i tuoi file.

[Suggerimenti e trucchi]

  • Come rimuovere CURATOR ransomware e i componenti correlati?
  • come recuperare file crittografati da ransomware?

Una cosa è chiara ora che il virus ransomware come CURATOR ransomware è in grado di crittografare tutti i tipi di file memorizzati nel tuo computer e li rende inaccessibili. Dopo il completo processo di crittografia, tenta di generare profitti monetari offrendo un servizio di recupero dati fasullo. Non è bene pagare i soldi richiesti per l’estorsione ai criminali informatici per il recupero dei dati. Non perdi tempo e denaro nel loro falso servizio relativo al recupero dei file. Ti consigliamo di evitare il loro servizio fasullo e di smettere di pagare qualsiasi somma di denaro per estorsioni. Prima di eseguire i vari passaggi come soluzione, è necessario eseguire alcuni passaggi come il backup dei file, assicurarsi che questa pagina di istruzioni sia sempre aperta in modo da poter eseguire facilmente i passaggi indicati di seguito ed essere pazienti con ogni passaggio.

Procedura 1: rimuovere CURATOR ransomware dal sistema manualmente

Procedura 2: rimuovere CURATOR ransomware e tutti i componenti correlati dal computer automaticamente

Procedura 3: come ripristinare i file crittografati da CURATOR ransomware

È possibile eliminare i componenti relativi a CURATOR ransomware dal computer con la nostra soluzione semplice. Per fare ciò, hai due metodi di rimozione del ransomware, ovvero metodo manuale e automatico. Quando parliamo di metodo manuale, il processo include varie fasi di rimozione e richiede competenze tecniche. Il metodo manuale di rimozione del malware è un processo che richiede tempo e, se si verificano errori nell’implementazione dei passaggi, si traducono in molti altri danni al computer. Pertanto, è necessario seguire attentamente il processo manuale e, se non è possibile, completare il processo, è possibile scegliere una soluzione automatica. Una volta rimosso il ransomware utilizzando questi metodi, è possibile passare alla terza procedura, ovvero la procedura di recupero dei dati.

Procedura 1: rimuovere CURATOR ransomware dal sistema manualmente

Metodo 1: riavviare il PC in modalità provvisoria

Metodo 2: rimuovere il processo relativo a CURATOR ransomware da Task Manager

Metodo 3: Elimina i registri dannosi di CURATOR ransomware

Metodo 1: riavviare il PC in modalità provvisoria

Passaggio 1: premere il tasto “Windows + R” dalla tastiera per aprire la finestra “Esegui”

Passaggio 2: nella finestra “Esegui”, è necessario digitare “msconfig” e quindi premere il tasto “Invio”

Passaggio 3: ora, seleziona la scheda “Avvio” e “Avvio sicuro”

Passaggio 4: fare clic su “Applica” e “OK”

Metodo 2: rimuovere il processo relativo a CURATOR ransomware da Task Manager

Passaggio 1: premere “CTRL + ESC + MAIUSC” per aprire “Task Manager”

Passaggio 2: nella finestra “Task Manager”, individuare la scheda “Dettagli” e cercare tutti i processi dannosi relativi a CURATOR ransomware.

Passaggio 3: fare clic destro su di esso e terminare il processo

Metodo 3: Elimina i registri dannosi di CURATOR ransomware

Passaggio 1: premere il tasto “Windows + R” dalla tastiera per aprire la finestra di dialogo “Esegui”

Passaggio 2: digitare il comando “regedit” nella casella di testo e premere il tasto “invio”

Passo 3: Ora premi i tasti “CTRL + F” e digita CURATOR ransomware o il nome del file dell’eseguibile dannoso associato al malware. Di solito, tali file sospetti si trovano in “% AppData%,% Temp%,% Local%,% Roaming%,% SystemDrive% e così via.

Passaggio 4: è necessario controllare i dati dei file dannosi facendo clic con il pulsante destro del mouse sul valore. Rileva tutti questi oggetti di registro sospetti nelle sottochiavi “Run” o “RunOnce” ed eliminali.

Procedura 2: rimuovere CURATOR ransomware e tutti i componenti correlati dal computer automaticamente

Abbiamo già discusso del metodo manuale di rimozione di CURATOR ransomware usando diversi metodi. Puoi scegliere qualsiasi metodo secondo le tue capacità tecniche e i requisiti del PC. Se sei un utente non tecnico, può essere difficile implementare completamente questi passaggi in modo da poter scegliere una soluzione automatica. Per rimuovere CURATOR ransomware e tutti i componenti correlati, è possibile utilizzare il metodo automatico di rimozione del malware. Dovresti avere un potente strumento in grado di rimuovere tutti i componenti relativi a CURATOR ransomware, voci di registro indesiderate e altro.

Qui, stiamo discutendo del software antivirus “SpyHunter” progettato per rilevare ed eliminare tutti i tipi di malware tra cui Adware, programma potenzialmente indesiderato (PUP), rootkit, browser hijacker, virus trojan, backdoor, ransomware e altri. L’applicazione di sicurezza “SpyHunter” è un potente software anti-malware che funziona con un meccanismo di scansione avanzato per identificare rapidamente i virus. È integrato con un processo multilivello avanzato che ti aiuta a cercare tutti i tipi di malware. Se stai cercando una soluzione per rimuovere CURATOR ransomware e altri virus correlati durante il processo di scansione, si consiglia di rimuoverlo presto.

Come scaricare / installare e utilizzare il software di sicurezza “SpyHunter”?

Passaggio 1: All’inizio, è necessario fare clic sul pulsante “Download” per accedere alla pagina “SpyHunter”

Fai una prova con lo scanner gratuito per verificare se il tuo sistema è infetto da CURATOR ransomware

Assicurati di leggere l’EULA, i criteri di valutazione delle minacce e l’informativa sulla privacy di SpyHunter. Lo scanner che scarichi qui è una versione gratuita ed è in grado di scansionare il tuo sistema alla ricerca di possibili minacce. tuttavia, è necessario un periodo di 48 ore per rimuovere le minacce rilevate senza alcun addebito. se non vuoi aspettare quel periodo, dovrai acquistare la sua versione con licenza.

Passaggio 2: dopo il download, fare doppio clic sul file “Installer” per installare questo programma sul sistema

Passaggio 3: dopo aver completato il processo di installazione, aprire l’applicazione SpyHunter e fare clic sul pulsante “Avvia scansione ora” per avviare il processo di scansione. Per la prima volta, è necessario selezionare l’opzione “Scansione completa”

Passaggio 4: Ora, fai clic su “Visualizza i risultati della scansione” per visualizzare l’elenco delle minacce o infezioni rilevate

Passaggio 5: fare clic sul pulsante “Avanti” per registrare il software e rimuoverlo permanentemente se si trova CURATOR ransomware e le relative infezioni.

Procedura 3: come ripristinare i file crittografati da CURATOR ransomware

Metodo 1: recupero di file crittografati da CURATOR ransomware utilizzando “Shadow Explorer”

Metodo 2: recupero di file crittografati da CURATOR ransomware utilizzando un potente software di recupero dati

Metodo 1: recupero di file crittografati da CURATOR ransomware utilizzando “Shadow Explorer”

“Shadow Volume Copies” sono file di backup temporanei creati dal sistema operativo per un breve lasso di tempo per tutti i file e dati che sono stati eliminati o danneggiati di recente. Se nel PC è attivata la “Cronologia file”, è possibile utilizzare “Shadow Explorer” per recuperare i dati. Quando parliamo del virus Ransowmare avanzato, elimina le “copie del volume ombra” e ti impedisce di recuperare file e dati con l’aiuto di comandi amministrativi.

Passaggio 1: All’inizio, è necessario fare clic sul collegamento indicato di seguito per scaricare “Shadow Explorer” sul computer

https://www.shadowexplorer.com/uploads/ShadowExplorer-0.9-portable.zip

Passaggio 2: sfogliare la posizione in cui sono stati scaricati i file.

Passaggio 3: fare doppio clic sui file ZIP per estrarre la cartella

Passaggio 4: fare clic per aprire la cartella “ShadowExplorerPortable” e fare doppio clic sul file.

Passaggio 5: per selezionare l’ora e i dati in base alle proprie esigenze, sullo schermo viene visualizzato un menu a discesa. Seleziona i file che desideri ripristinare e fai clic sul pulsante “Esporta”.

Metodo 2: recupero di file crittografati da CURATOR ransomware utilizzando un potente software di recupero dati

Dovresti assicurarti che il tuo sistema sia privo di attacchi ransomware e che tutti i file associati a CURATOR ransomware siano stati rimossi correttamente. Una volta fatto, dovresti cercare una soluzione di recupero dati. Dopo aver rimosso i file relativi al ransomware completo, è possibile utilizzare “Stellar Phoenix Data Recovery Software” per recuperare i file. Per ripristinare i file crittografati, è possibile seguire i passaggi indicati di seguito.

Come scaricare / installare e utilizzare “Stellar Phoenix Data Recovery Software”?

Passo 1: All’inizio, devi fare clic sul pulsante di download per scaricare il software di recupero dati Stellar Phoenix sul tuo computer

Per ripristinare i file crittografati sul tuo computer, puoi provare con un’app di recupero dati consigliata per verificare se può aiutarti a recuperare i tuoi file.

Passaggio 2: una volta scaricato, fare doppio clic su “file di installazione” per installare

Passaggio 3: Ora, fai clic su “Accetto l’accordo” in “Pagina dell’accordo di licenza” e fai clic su “Avanti”

Passaggio 4: dopo aver completato il processo di installazione, eseguire l’applicazione.

Passaggio 5: sulla nuova interfaccia, selezionare i tipi di file che si desidera recuperare, quindi selezionare il pulsante “Avanti”

Passo 6: Ora, seleziona “Drive” in cui desideri che il software esegua la scansione. Fare clic sul pulsante “Scansione”

Passaggio 7: attendere il completamento del processo. Il completamento del processo potrebbe richiedere alcuni minuti a seconda delle dimensioni delle unità selezionate. Al termine del processo di scansione, noterai un esploratore di file con l’anteprima dei dati che possono essere recuperati. Devi scegliere i file che vuoi ripristinare.

Passaggio 8: infine, selezionare la posizione in cui si desidera salvare i file ripristinati.

Suggerimenti per la prevenzione per proteggere il sistema dagli attacchi correlati a CURATOR ransomware in futuro

  • È necessario disporre di un backup sicuro di tutti i file e dati archiviati nel computer poiché alcuni ransomware sono progettati per cercare condivisioni di rete e crittografare tutti i file archiviati nel computer. Faresti bene a archiviare i backup dei dati su un server cloud sicuro con crittografia di alto livello e autenticazione a più fattori.
  • Il virus di tipo ransomware si basa spesso su kit di exploit per ottenere l’accesso illecito a un sistema o una rete. Se esegui software obsoleti o obsoleti sul tuo computer, allora sei a rischio di ransomware perché gli sviluppatori di software non stanno più pubblicando aggiornamenti di sicurezza. Per rimuovereandonware e sostituirlo con software ancora supportato dal produttore.
  • I criminali informatici dietro l’attacco al ransomware stanno utilizzando l’ex Trojan bancario come veicolo di consegna per il ransomware. Si affida a malspam per infettare il tuo sistema e metterti in piedi sulla tua rete. Una volta ottenuto l’accesso alla rete, mostra un comportamento simile a un worm che si diffonde da un sistema all’altro usando un elenco di password comuni.
  • Dovresti essere attento durante la navigazione online ed evitare di installare freeware da fonti sconosciute, interrompere l’apertura di allegati provenienti da e-mail sconosciute e fare clic su annunci o messaggi popup dopo la doppia lettura.
  • Non pagare denaro per estorsioni in caso di attacco. Ti consigliamo di smettere di pagare il riscatto e l’FBI è d’accordo. I criminali informatici non hanno scrupoli e non vi è alcuna garanzia che i file vengano restituiti. Pagando denaro per estorsione, stai mostrando ai criminali informatici che l’attacco ransomware funziona.