Aggiornamento MS: opzione di frequenza di aggiornamento aggiunta a Windows 10

Con le nuove versioni degli aggiornamenti, il gigante della tecnologia Microsoft sta spingendo tutti gli utenti a spostare le loro opzioni di configurazione di Windows 10 nella funzionalità Impostazioni moderne.

Mentre si parla di Windows 8, l’azienda ha introdotto una nuova funzione Impostazioni che include molte delle opzioni di configurazione del sistema operativo.

Tuttavia, la sezione Impostazioni è stata incompleta dal suo avvio poiché una serie di opzioni e impostazioni di configurazione si trovano in Pannello di controllo e Gestione dispositivi, ma non in Impostazioni.

Ma, questa volta, Microsoft sta spingendo tutte le impostazioni di Windows 10 nell’app Impostazioni. Questo movimento è iniziato per la prima volta con il pannello System cotrol alla fine di luglio. Successivamente, la società ha anche aggiunto una nuova applicazione Gestione disco ad agosto, quindi il reindirizzamento dell’opzione Programma e funzionalità in Cpanel alla pagina App e funzionalità a settembre.

Informazioni sulla frequenza di aggiornamento del display nell’app Impostazioni

Parlando della frequenza di aggiornamento, Windows 10 può sempre regolare la frequenza di aggiornamento del monitor, tuttavia è stato fatto fondamentalmente attraverso le proprietà della scheda video, piuttosto che la funzione Impostazioni, in precedenza.

Ma, con la nuova anteprima di Windows 10 costruita 20236, la società ha aggiunto una nuova impostazione nell’opzione Impostazioni di visualizzazione avanzate, attraverso la quale gli utenti possono regolare direttamente la frequenza di aggiornamento del monitor.

Con la regolazione della frequenza di aggiornamento del display, gli utenti di Windows 10 possono facilmente impostare il proprio monitor in modo che utilizzi una frequenza di aggiornamento più elevata, causando una riduzione dello sfarfallio dello schermo, che rende più facile guardare per gli occhi.

Sebbene la suddetta funzionalità sia sempre stata disponibile per regolare la frequenza di aggiornamento, ma con l’inclusione di questa impostazione in Impostazioni di visualizzazione avanzate, è diventato più facile per gli utenti trovare l’opzione.

Inoltre, queste modifiche nella build di anteprima indicano che Microsoft desidera ora consolidare tutte le impostazioni di Windows 10 in un’unica posizione, anziché diffonderle.